Archivio | percorsi RSS feed for this section

Corsi 2016….

21 Dic

Zibaldone di cose stagione di corsi 2016

 

Zibaldone di cose sta organizzando nuovi corsi per l’anno 2016. Saranno all’interno delle attività della associazioni ed speriamo di vedervi entusiasti partecipare a questi.

I orari saranno concordati una volta formati i gruppi.

 

Corsi di Pittura:

Corsi personalizzati di pittura per piccoli gruppi nei quali sviluppare in modo personalizzato la progressione e la conquista di uno stile personale. Partendo dai rudimenti del disegno e della teoria del colore per arrivare a l’utilizzo de i differenti media rendere il più autonomo e auto sufficiente l’allievo.

Supporti e basi:

  • Carta.
  • Legno.
  • Tela.

Tecniche:

  • Disegno a matita.
  • Carboncino e sangrie.
  • Matite colorate.
  • Tempere e terre colorate.
  • Tempere acriliche.
  • Olio.

Due o quattro ore a settimana per un costo di € 15,00 a lezione, non tutti i materiali saranno dati.

 

Corso di Riciclo – artigiana creativa;

Carta pesta;

  • Tipi di carta.
  • Tipi di lavorazione.
  • Tipi di colle.
  • Tipi di colori.
  • Tipi di fisativi e finiture.

La tecnica classica e le sue variazioni:

  • Il modello in tre dimensionali.
  • Lavorare su modelli, creazione del modello e messa in pratica.
  • Lavorazione su pasta di carta.
  • Lavorazione su rete metallica e strutture in legno.
  • Lavorazione a struttura libera, carta su carta.

Supporto continuo di nozioni per la creazione del proprio stile.

Due o quattro ore a settimana per un costo di € 10,00 a lezione, non tutti i materiali saranno dati.

Corso d'artigianato1aCorso d'artigianato1

 

Annunci

Il nuovo libro di Gaia Lombardi Cenciarelli: “ROMA”

21 Feb

11006379_10206130324922199_2298942582848968624_nE uscito in libreria il nuovo libro di Gaia Lombardi Cenciarelli: “ROMA”   (della casa editrice 20090. lo potete trovare nel sito: http://www.20090.eu) libro tanto atteso da noi fans gia che Gaia è diventata un personaggio nel net e per noi che la conosciamo e sappiamo la sua passione per la scritta pensiamo che non si possa sbagliare a comprare e leggere e di conseguenza anche regalare i suoi libri.

ROMA promette grosse risate perchè con amore e molto sarcasmo ci presenta scene di vita quotidiana, pensieri e rielezione in torno alla città e i suoi abitanti, i suoi contrasti e il vivere quotidiano.

Credo sarebbe bello se dopo averlo letto ci confroteremo sulla lettura e aggiungeremo capitoli a questa galleria creata dalla nostra Gaia…

Buona lettura e poi spero mi saprete dire.

Incontro con Mario Martone

24 Nov

Bozza locandina Incontro con Martone - 26-11-2014Incontro con Mario Martone

Proiezione e commento di scene del film “Il giovane favoloso” con Mario Martone e Ippolita di Majo. L’incontro sarà Mercoledì 26 alle 17,30 nella aula magna del Rettorato dell’Università La Sapienza che è in Piazzale Aldo Moro 5.

Sarà presentato il volume con la sceneggiatura del film che contiene molte chicche sul processo creativo. Oltre a questo i curatori dell’incontro, prof. Novella Belluci e prof. Franco D’Intino presenteranno il risultato degli ultimi anni di ricerca del Laboratorio Leopardi che è il primo volume “Lessico Leopardiano”.

L’ingresso è libero.

Buone Feste!!!

24 Dic

Tutto il meglio in questo 2014 che arriva, sono i auguri di Zibaldone di coseCartolina2013

Mostra di pittura e fotografia “Percorsi”

21 Gen
Invito alla mostra delle artiste Cristina Armeni ed Elisabetta Pizzichetti

Invito alla mostra delle artiste Cristina Armeni ed Elisabetta Pizzichetti

Italo Calvino scriveva che “ memoria ed oblio sono due entità complementari”, e in effetti se guardiamo le opere scelte per questa mostra, viene da dire che ognuna fa appello alla memoria familiare  e  allo  stesso tempo “al pozzo di oblio “da cui  le immagini   emergono  come spogliate d’ogni  determinazione. Seppure  tra loro differenti, le storie di queste artiste si incrociano e si sovrappongono, indicando una moltitudine di mondi dove regna la passione conoscitiva per le cose e il gusto divagante per il tempo illimitato. La storia dell’arte è ricca di immagini fotografiche memorabili, ma quelle realizzate da Cristina Armeni confermano il fatto che la scelta di un particolare figurativo o di un taglio compositivo, oltre  a testimoniare caratteristiche fisiche o percettive,  possono dare il senso di una compiutezza di un vissuto, di accadimenti e di attese, fino a comprendere orizzonti infiniti. E così  per le composizioni di  Elisabetta Pizzichetti, la quale nel suo garbuglio di tecniche, dall’olio al collage, dal  sapone modellato all’oggetto ritrovato, suggerisce una visione del mondo come “sistema di sistemi “ inestricabile e vario. Tanto è controllata e animata l’opera della prima artista, concepita nel rispetto di un’ esigenza primaria, quella di disperdersi   nell’infinitamente vasto  della  realtà per poi ritornare ad un spazio mentale  razionale e   nella  vertigine travolgente del dettaglio, quanto invece, disordinata e misurata quella della seconda, la quale  sembra  aver scelto come punto di partenza  un enunciato mirato, forse un  sogno o un’ ossessione,  che  approda ad una figurazione oscillante tra l’inverosimile e l’antica mitografia.   Tutto questo per entrambe,  inseguendo un gioco che fa dell’esercizio della tecnica  un processo serrato e  conosciuto, dove ogni  segno  diventa specchio di un modo di essere e sentire.

Rosanna Ruscio